Tecniche: come fare le Ruches

Ben arrivat* sul mio blog! Oggi voglio proporti una nuova tecnica: come fare delle ruches, ovvero delle arricciature con i tuoi ingredienti.

Io ti mostrerò la tecnica con l’ausilio di fette di prosciutto crudo, tuttavia la stessa tecnica può essere applicata su altri affettati, fogli di pasta frolla,  sfoglia, alcune verdure cotte, alcuni formaggi a fette… questo  è il bello delle tecniche!  La apprendi una volta e le applichi per sempre su ogni ingrediente che si possa prestare a quella tecnica.  

Questo è uno dei tanti post dedicati alle tecniche. Ne trovi altri nella categoria “Tecniche”  (qui a lato, tra le categorie). Inoltre sul mio canale YouTube trovi il video di quella dedicata al “Taglio a L”. 

Ti auguro buona visione e al prossimo post! 😘

Antipasto di pesci affumicati con rosa di salmone

Si avvicinano le feste natalizie e ho pensato di proporti alcune ricette semplici e di effetto. Cominciamo dall’antipasto, con questo tris di pesci affumicati accompagnati da verdure croccanti e impiattati in maniera asimmetrica, a formare un fascio di foglie attorno a una splendida rosa di salmone. 

Nel video troverai spiegato ogni passaggio nel dettaglio. 

Io te lo propongo come antipasto per le feste, ma in altri periodi dell’anno potrebbe essere servito benissimo come secondo o piatto unico. Accompagnalo con fette di pane tostato e burro fresco oppure panna acida. Come dire? “É la morte sua!” 😄

Gli ingredienti per persona (e quindi per ogni piatto) sono fondamentalmente:

  • due fette di pesce spada affumicato
  • due fette di tonno affumicato
  • due fette di salmone affumicato
  • a scelta circa 15 fettine sottili di finocchio oppure cetriolo (meglio se con buccia, per l’effetto cromatico) o avocado
  • per il condimento: 1 cucchiaio d’olio, 1 cucchiaio di succo d’arancia, sale, scorza d’arancia grattugiata, grani di pepe rosa e bacche di cardamomo. Questi ultimi ingredienti in quantità variabile, a seconda dei tuoi gusti.

Ecco la video lezione

Ti consiglio di preparare il condimento prima in modo da lasciar macerare il pepe rosa e il cardamomo, così che diano più aroma alla orangette (è la vinaigrette a base di arancia 😊).

Non perderti le altre ricette, ma soprattutto il WEBINAR GRATUITO sugli alberelli di Natale con le fette di pandoro, VENERDì 11 dicembre alle 18:30. Per altre ricette natalizie iscriviti alla mia newsletter e riceverai tutto nella mail. Ho in serbo per te delle belle sorprese! 

A prestissimo! 😘

Caprini che si credono pecorelle

Eh sì! Questo è un travestimento bello e buono! Un caprino che si crede una pecorella, ma quando mai si è visto! 😄

Scherzi a parte… sono felice di presentarti i CAPRINI PECORINI, un finger food di formaggio e frutta dall’aspetto e dal sapore sorprendenti!

Gli ingredienti sono pochi e semplici, li trovi anche nel video qua in basso, ma te li elenco per tua comodità:

  • formaggio caprino (ma in realtà puoi usare qualunque formaggio morbido ti piaccia); te ne servirà un cucchiaino per ogni pecorella;
  • frutta secca tipo noci, mandorle, pecan… quello che hai in casa. Se la tosti per qualche minuto in padella ne esalterai ancora di più l’aroma e la “croccantezza! Useremo una mandorla o 1/4 di gheriglio per ogni pecorella;
  • Chicchi d’uva bianca e/o nera… chicchi piccoli, perché dovranno fare da testolina. Anche qui, un chicco per ogni bestiolina;
  • una cucchiaino di semi di chia e/o canapa per ogni pecorella;
  • 2 semi di zucca decorticati per ogni animaletto.

Preferisco darti le dosi per ogni singolo pezzo, perché così non hai bisogno di comprare grandi quantità se ne vuoi fare giusto 4-5 per il tuo bimbo.

Ecco il video con il procedimento.

Riassumendo:

  • prendi un cucchiaino di formaggio e mettici dentro una mandorla o altra frutta secca a piacere, quindi arrotola per formare un ovetto;
  • passa nei semini e forma un incavo in cui inserirai la testa;
  • prendi un chicco d’uva che sia proporzionato al corpo, scegli preferibilmente uva di un colore che crei contrasto con i semi;
  • a piacere fai due forellini per gli occhi aiutandoti con uno stuzzicadenti e metti due semini (di chia nell’uva bianca, di canapa nell’uva nera) a formare gli occhi;
  • inserisci ai lati della testa due semi di zucca e avrai anche le orecchie.

La tua prima pecorella è pronta! Procedi così fino a formare il tuo gregge e… attento alle pecore nere! 😄

Alla prossima creazione!

Baci, Rita

Fresca tartare esotica

Miei cari amici,

oggi condivido con voi una ricetta fresca ed esotica che possiamo proporre sia come antipasto che come contorno. Si prepara velocemente perché non ha bisogno di cottura. In più è versatile, perché potete personalizzarla in base al vostro gusto e… a quello che avete in casa.

Per me è un’ottima scusa per servire ortaggi come le rape che sono ricchissime di vitamine e minerali, ma che per pigrizia o abitudine evitiamo di comprare. In questa fresca insalata il sapore leggermente piccante delle rape viene smorzato dal dolce della frutta e reso gradevole dall’acidità del lime.

Versatile, dicevo, perché se non avete il lime… va benissimo il limone. Non vi piace il mango? Mettete più ananas. Non volete l’avocado? Usate il cetriolo. Insomma, sperimentate e trovate la combinazione che fa per voi.

La decorazione qui è molto semplice: ho usato dei fiori commestibili che avevo a portata di mano. Nella foto in alto sono dei fiori di gelsomino. Avevo provato anche con il nasturzio, vi faccio vedere come starebbe:

Ma se non avessi avuto i fiori freschi avrei realizzato un fiore con un ortaggio (es un fiore di carota o un fiore di ravanello) e l’avrei comunque accompagnato con qualche fogliolina di menta che è presente nella ricetta.

Per arricchire il piatto potete aggiungere una salsa di accompagnamento. Io ho usato una maionese aromatizzata all’arancia.

Per ottenere cubetti perfetti e delle stesse dimensioni ho usato questa mandolina:

La tecnica per ottenere questo tipo di cubetti si chiama “taglio brunoise” e si ottiene normalmente realizzando un primo taglio a julienne e poi da questo i cubetti. L’uso della mandolina è una scorciatoia. L’unica attenzione che dovete avere sta nel tagliare le fette all’incirca dello stesso spessore del lato dei quadrati della griglia di taglio.

Ingredienti per 4 persone

  • 4 rape bianche fresche piccole (o 3 grandi)
  • 1/4 di ananas
  • 1 mango
  • 1 avocado
  • 2 lime
  • foglie di menta
  • sale, olio, pepe a piacere

Procedimento

Pulisci le rape e la frutta, quindi riduci tutto in cubetti con un taglio a brunoise (vedi sopra). Conserva in frigo fino al momento di servire.

Prima di impiattare, condisci a piacere con olio, sale, pepe e una decina di foglie di menta tritate con il coltello o spezzettate a mano.

Plating

Se usi una salsa di accompagnamento stendila sul piatto con l’aiuto di un cucchiaio in questo modo: versa dal cucchiaio la salsa e poi con la punta del cucchiaio schiaccia dal centro verso l’esterno disegnando un apostrofo.

Posiziona al centro del piatto un coppapasta rotondo e versavi dentro la tartare, schiacciando con il dorso del cucchiaio per compattare.

Il trucco: il motivo per cui abbiamo condito la tartare solo prima di servire è per evitare che la frutta maceri ed estragga liquidi in questa fase.

Estrai il coppapasta e decora con i fiori, le foglie di menta e a piacere con foglioline di cappero.

Buon appetito, gente! 😉

Un bouquet di canapé al salmone e caviale

bouquet di fiori di salmone e uova di pesce

Quante volte avrete preparato dei canapè al salmone affumicato in vita vostra! Ma avete mai pensato di presentarli piantati in un bouquet di insalata? La tridimensionalità data dalla composizione crea un effetto trompe l’oeil che lascerà tutti a bocca aperta! 

Trovate un vaso basso in cui incastrare dei cespi di insalata molto piccoli. Poi create i canapè tagliando sia il pane che il salmone con un tagliapasta a forma di fiore. Io uso questo set in acciaio: 

*In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei

I pistilli sono palline di formaggio fresco ricoperte di uova di lompo nere. Per applicarle ho usato una tecnica particolare, che impedisce alle uova di sporcarsi di formaggio. Per semplificare le cose potete semplicemente appoggiare delle uova di lompo al centro della tartina oppure avvolgere il formaggio fresco in semi di sesamo nero o semi di papavero. 

Le tartine sono poi montate su spiedini da 10-15 cm. Per evitare che scivolino giù per lo spiedino ho usato dei fermi “gustosi”. Potrebbero essere rondelle di ortaggi come carote o di formaggi semistagionati. 

Spero di avervi dato uno spunto interessante per il vostro prossimo invito. 

Buon fine settimana a tutti! 

Un regalo da spalmare

antipasto a forma di pacchetto regalo

Per chiudere in bellezza questo 2019 facciamoci un regalo coi fiocchi, meglio ancora se da mangiare!

Prendete uno o più formaggi cremosi, tipo ricotta, Philadelphia, robiola, e così via. Aggiungete aglio in polvere e aneto fresco tritato. Mescolate bene con una forchetta e poi versate in una pirofila rettangolare foderata di pellicola. Mettete in frigo per una notte o in congelatore per un’oretta. 

Nel frattempo prendete delle foglie di porro e un peperone rosso. Sbianchite il peperone e pelatelo, quindi tagliatelo in quadratini regolari. Se volete risparmiarvi il passaggio della sbianchitura, tagliate il peperone direttamente a quadretti e poi asportate con il coltellino la pelle da ogni quadratino. Non ne serviranno tantissimi. Se poi il peperone è carnoso, potrete moltiplicare i quadratini tagliandoli orizzontalmente. La cosa carina di questo procedimento è che otterrete coriandoli di sfumature diverse. 

Dal porro invece ricavate la coccarda e il nastro. Per il nastro tagliate delle strisce di porro e sbollentatele leggermente, quindi lasciatele asciugare su un canovaccio. Per la coccarda dividete a metà la foglia di porro (al centro è vuota, l’avevate notato?) e sfrangiate le estremità. Mettete questi segmenti in acqua ghiacciata per una mezz’oretta… con questo freddo non servirà neanche il ghiaccio, basterà far scorrere l’acqua del rubinetto per averla gelata! 

In alternativa al porro potete usare dei cipollotti.

A questo punto avete tutto quello che serve per comporre il pacchetto regalo: sformate la crema di formaggi sul piatto da portata e asportate delicatamente la pellicola. Se necessario aggiustate gli spigoli ed eventuali sbavature. Disponete i nastri, rimboccandoli sotto al pacchetto lateralmente. Quindi piantate o appoggiate al centro i segmenti che compongono la coccarda. 

Con una pinzetta per alimenti come questa in basso sistemate i quadratini di peperone pressandoli leggermente sulla superficie del formaggio, qua e là, in maniera casuale.  

Tenete in frigo fino al momento di servire. Accompagnate con crostini, cracker e pani aromatizzati. 

Come potete vedere dalla foto, potete optare anche per una versione monoporzione. In questo caso vi serviranno degli stampi rettangolari monoporzione come questo, che ha lo stantuffo per sformare il pacchetto direttamente nel piatto senza perdere la forma:

*In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei

In questo caso non servirà ricoprire lo stampo con pellicola. Vi suggerisco comunque di bagnarlo con acqua prima di versare il composto. Riempitelo non oltre la metà, per non avere porzioni eccessivamente grandi per un antipasto. 

Spero di avervi dato una bella idea per la vostra cena. Vi auguro di poter accogliere il nuovo anno con tutta l’allegria che avete in corpo! Buona fine 2019! 

Crudité segnaposto per la cena di Natale

Candela di carota e foglie di pungitopo di peperone

Immaginate di accogliere i vostri ospiti in sala da pranzo. Sulla tavola già apparecchiata, tutti disposti in fila, delle candele di verdure, come quella che vedete. Una per ogni commensale. Che spettacolo! 

Per realizzarla servirà qualche strumento e una certa manualità. Bisogna infatti intagliare la carota e ricavare le foglie di agrifoglio da un peperone verde (o da altro ortaggio verde, come un cetriolo o una zucchina). 

Per quanto riguarda la candela, potete usare uno strumento da intaglio a V oppure il coltello triangolare che ho usato io:

*In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei

 Incidete una spirale su tutta l’altezza della carota già pelata, in questo modo: 

Per quanto riguarda le foglie invece, ritagliatele nel peperone verde avvalendovi della sagoma qui in basso, oppure disegnando a mano libera con la punta di uno spelucchino affilato o di un coltello Thai

Per finire disegnate la fiamma in un peperone giallo o rosso, o in un altro ortaggio che si possa mangiare a crudo, come la carota gialla.

Unite il tutto con stuzzicadenti. Aggiungete le bacche rosse alla base… possono essere dei mirtilli rossi veri oppure delle semisfere ricavate da un peperone rosso. 

Infine, vi lascio con una variante:

Il portacandela in questo caso è realizzato con un apposito strumento che trasforma gli ortaggi in spirali:

e nella candela è stata intagliata una seconda spirale a 2 mm dalla prima.

Per capire come funziona lo spiralatore guardate questo video: 

Spero di avervi dato delle buone idee. Buone feste a tutti! 

Corona di Natale con stuzzichini

Se vi invitano a una festa provate a portare questa corona di rosmarino: è facilissima da fare e vi farà fare una bellissima figura. Foto assicurate! 


Ecco come fare: prendete 15-20 rametti di rosmarino e legateli con dello spago per formare una striscia lunga che arrotolerete su se stessa. Poi tagliate a cubetti salumi e formaggi a vostra scelta e aggiungete un tocco di verde e rosso con olive verdi (magari farcite) e pomodorini mignon o lamponi. E fatemi sapere come va! 

Baci a tutti! Rita


Tagliere di formaggi per Natale

Ci sono persone a cui avremmo piacere di fare un pensiero di Natale, ma comprare un regalo sarebbe troppo impegnativo. Questo semplicissimo alberello può essere l’idea giusta. E’ veloce da fare, sfizioso e lascia tutti a bocca aperta.

Bastano dei cubetti di formaggio (usatene almeno di 3 tipi diversi), pomodorini datterini e del timo (o in alternativa rosmarino).

Appoggiate il tutto su un vassoio monouso e chiudete con pellicola trasparente o acetato per alimenti. Un regalo sicuramente gradito e, come potete immaginare, poco costoso. 

Io l’ho portato ieri sera a una festa, assieme alla ghirlanda che ho postato due giorni fa. Non vi dico quanti complimenti mi hanno fatto! E quanti mi hanno detto che copieranno l’idea!

Spero riceviate anche voi tanti commenti di ammirazione quando rifarete questo alberello!