Quando  eravamo ragazzi lo davamo per scontato… era normale che ci fosse  una persona in casa (mamma, papà, nonna e chi per  loro) che ci preparavano ogni giorno da mangiare… era il loro ruolo!

Ma quando poi siamo cresciuti e siamo passati dall’altra parte, quando siamo stati noi a cominciare a cucinare per qualcuno, abbiamo cominciato a capire cosa significa pensare a cosa cucinare, organizzarsi per comprare gli ingredienti, prepararsi con il giusto anticipo e curare ogni dettaglio (c’è abbastanza condimento? Ci vorranno anche del formaggio 🧀? Il peperoncino 🌶 non lo metto perché ai miei figli non piace anche se io ne vado matta… )

C’è molto, moltissimo di noi, del nostro amore e  del nostro saperci prendere cura degli altri, in ogni piatto che cuciniamo. Fare da mangiare è un atto d’amore anche quando prepariamo una semplice insalata 🥗 per la nostra pausa pranzo al lavoro: ci stiamo volendo bene, ci stiamo prendendo cura del nostro corpo e di conseguenza del nostro benessere psicofisico. E se stiamo bene noi, facciamo stare bene le persone intorno a noi. 

Quando la prossima volta vostra mamma, vostra moglie o vostro marito vi serviranno un piatto di pasta🍝, rispondetegli: “Ti voglio tanto bene anch’io!”. Se lo meritano! 

Baci 😘, Rita 

Stai già andando via?Guarda ora la mia lezione gratuita